• SCOPRI IL MOLISE

Il trekking del Matese con le ciaspole

Il viaggio “Il trekking del Matese con le ciaspole” dà la possibilità di vivere una vacanza dall’alto contenuto naturalistico, storico-culturale, architettonico ed enogastronomico. Ospitati in un casolare di campagna vicino Sepino, ci si sposta alternando ciaspolate e visite ad alcune delle maggiori realtà storico-artistiche-naturalistiche del massiccio matesino.


Quattro giorni di ciaspolate sui Monti del Matese per conoscere il patrimonio storico-culturale-naturalistico dell’Appennino sannita.

I meravigliosi centri storici

Suggestive atmosfere nei centri storici medievali di Sepino, Roccamandolfi e Termoli, con i loro esempi di bellezza artistica con palazzi, chiese, fontane, croci viarie, giardini e altro.

Itinerario storico-culturale

La città romana di Saepinum e quella sannita di Saipins, il tempio italico e poi chiesa medievale di San Pietro dei Cantoni, il Regio Tratturo Pescasseroli-Candela, testimone di infinite transumanze, i luoghi dell'apparizione della Madonna Addolorata e del Cristo Morto a due pastorelle di Castelpetroso.

La natura intatta e selvaggia

I Monti del Matese sono una delle più belle catene appenniniche del centro-sud Italia. La natura è talmente rigogliosa da dar vita a un unico Sito di Importanza Comunitaria (S.I.C.) della rete Natura2000. Gli ampi scenari panoramici si susseguono a maestosi boschi di faggio, grotte, laghi, forre, ambienti rocciosi e cime da cui vedere contemporaneamente i mari Adriatico e Tirreno.

Il delizioso cibo e le ottime bevande

Il viaggio è arricchito dall'ottima cucina tradizionale del Molise e dalle sue eccellenti bevande. Prodotti tipici e piatti tradizionali, spesso fatti a mano e all'antica maniera, allietano le serate dei camminatori. Si gustano formaggi come il caciocavallo, il pecorino, la burrata, la manteca e altri; salumi come la soppressata, la ventricina, il capicollo, la ventresca arrotolata, ecc.; i tartufi bianchi e neri. Si possono bere il vino bianco Moscato e il vino rosso Tintilia.

Gli incontri significativi

Nei momenti di riposo, si incontrano persone significative, che si spendono per un Molise migliore, che lotta, resiste ed esiste. Il viaggio, inoltre, è contraddistinto da un clima intimo e familiare e dalla continua presenza della guida.


Programma

Giorno Uno Sepino

Arrivo a Sepino e aperitivo di benvenuto. Sistemazione nelle camere e spiegazione del viaggio. Cena e pernotto in casolare di campagna.

Giorno Due Ciaspolata/escursione da Campitello Matese a Pianelle, attraverso Serra le Tre Finestre e l’eremo di Sant’Egidio.

Situata in uno dei più grandi pianori del Massiccio del Matese e contorniata da cime e boschi, la stazione sciistica di Campitello Matese si sviluppa con diversi chilometri di piste sui versanti di Monte Miletto (2050 metri s.l.m.), Colle del Caprio (1800 metri s.l.m.) e Colle del Monaco (1708 metri s.l.m.). Allontanandosi dalle piste da sci alpino, ci si immerge in una natura silenziosa, fra praterie d’alta quota e boschi di faggi. La ciaspolata/escursione attraversa il Bosco di Campitello, caratteristica faggeta con esemplari di discrete dimensioni, per poi raggiungere la cima di Serra le Tre Finestre (1731 metri s.l.m.), dalla quale si gode di un bel panorama sul resto dell’Appennino Sannita e sulle colline del Molise centrale. Goduta a pieno la vista, si scende sul versante settentrionale di Serra le Tre Finestre, per arrivare a costeggiare Monte Acerone (1594 metri s.l.m.) ed entrare nel Bosco Monte Acerone, altra faggeta dalle grandi dimensioni con esemplari magnifici di faggi e suggestivi ambienti. Successivamente si giunge prima al bel eremo di Sant’Egidio (IX secolo) e poi in località Pianelle, non senza attraversare un’altra bellissima faggeta (Bosco Pianelle), fra balconi panoramici e scoscesi valloni. Picnic. Cena e pernotto in casolare di campagna.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 4/5 ore.
Lunghezza della tappa: 12 km.
Dislivello totale in salita: +972 metri.
Dislivello totale in discesa: -1180 metri.
Livello di difficoltà: media.

Giorno Tre Ciaspolata/escursione Sella del Perrone-Campitello Matese: uno spettacolo della natura!

Si sviluppa sul versante nordorientale del Massiccio del Matese con vista panoramica sulle maggiori cime: Monte Miletto (2050 metri s.l.m.), Monte La Gallinola (1923 metri s.l.m.), Monte Mutria (1823 metri s.l.m.) e Serra le Tre Finestre (1736 metri s.l.m.). Siamo al confine tra il Molise e la Campania. È un territorio selvaggio e solitario, ricco di lussureggianti faggete, con bellissimi balconi panoramici sulle vette matesine e su un grande e affascinante lago carsico, il Lago del Matese. A dare risalto maggiore alla ciaspolata sono i profondi abissi di Pozzo della Neve (-1048 metri di profondità e oltre 8000 metri di sviluppo) e di Cul di Bove (-913 metri di profondità e 3900 metri di sviluppo), grandi grotte nate dall’azione erosiva dell’acqua e famosissime in ambito speleologico. Picnic. Cena in agriturismo. Pernotto in casolare di campagna.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 4/5 ore.
Lunghezza della tappa: 15 km.
Dislivello totale in salita: +320 metri.
Dislivello totale in discesa: -310 metri.
Livello di difficoltà: facile.

Giorno Quattro Escursione fra i secoli della storia: visita di Saipins, il Conventino, San Pietro di Cantoni, Saepinum e Sepino.

Accolti dai primi dolci rilievi del massiccio matesino, si cammina nei meandri della ricchissima storia di un piccolo comune del Molise: Sepino. Partendo dal Regio Tratturo “Pescasseroli-Candela”, antichissima via di spostamento per la transumanza nel Regno di Napoli, si raggiunge la magnificente città romana di Saepinum (fondazione del II secolo. a.C. e massimo splendore in età augustea, a cavallo fra il I sec. a.C. e il I sec. d.C.). Vero gioiello archeologico, la città romana ha il classico assetto urbanistico con decumano (ancora lastricato) e cardo, l’intera cinta muraria a delimitarne i confini, quattro porte monumentali, il teatro, le terme, il foro, la basilica, il complesso campus-piscina-porticus, il macellum, due quartieri di abitazioni e tanto altro ancora. Salendo sui primi colli si visita prima il tempio sannita e poi area di culto cristiana di San Pietro di Cantoni e, successivamente, i resti del Conventino di Santa Maria degli Angeli, piccolo cenobio francescano ottocentesco. Continuando a salire si arriva al villaggio sannita di Saipins, in località Terravecchia, a 953 metri s.l.m., dove si visitano i resti della città preromana (IV sec. a.C.), con doppia cinta difensiva fatta di grandi massi e tre piccole porte: la postierla del Matese, la porta dell’Acropoli e quella del Tratturo. Lungo la discesa si arriva al gradevolissimo paese medievale di Sepino, tutt’ora abitato, per poi tornare al punto di partenza. Picnic. Cena e pernotto in casolare di campagna.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 4/5 ore.
Lunghezza della tappa: 12 km.
Dislivello totale in salita: +109 metri.
Dislivello totale in discesa: -494 metri.
Livello di difficoltà: facile.

Giorno Cinque Ciaspolata/escursione da Roccamandolfi alla Basilica Minore dell’Addolorata di Castelpetroso.

Ciaspolata/escursione media-difficile nella parte più occidentale del versante nord-est del Massiccio del Matese. Partendo dal bel borgo di Roccamandolfi, caratterizzato da molte storie sul fenomeno dei Briganti e dai ruderi di un notevole castello, si attraversa il canyon del torrente Callora, per poi salire su Colle di Mezzo (1426 metri s.l.m.) e su la Difenzola (1398 metri s.l.m.), due balconi panoramici da quali ammirare il complesso montuoso di Monte Miletto e i picchi della catena montuosa laziale-molisana delle Mainarde, oltre che una bellissima fetta del restante Molise. Costeggiando poi Monte Patalecchia (1400 metri s.l.m.) si arriva prima sui luoghi dell’apparizione, avvenuta nel 1888, della Madonna Addolorata e del Cristo Morto ad alcune pastorelle di un piccolissimo borgo molisano, Castelpetroso, e poi all’affascinante Basilica Minore dell’Addolorata, struttura dall’avvenente profilo neogotico. Picnic. Cena e pernotto in casolare di campagna.

Caratteristiche tecniche della tappa
Durata: 4/5 ore.
Lunghezza della tappa: 15.8 km.
Dislivello totale in salita: +952 metri.
Dislivello totale in discesa: -983 metri.
Livello di difficoltà: media-difficile.

Giorno Sei Giornata di relax al mare di Termoli con visita della città e ripartenza per le proprie destinazioni.

Accarezzati dal rilassante infrangersi delle onde, ci immergiamo nel piccolo ma bellissimo centro storico di Termoli, situato su uno sperone roccioso a ridosso del mare Adriatico. Fra il caratteristico castello Svevo, l’elegante cattedrale romanica dedicata a Santa Maria della Purificazione, la bella passeggiata di Montecastello, gli ampi slarghi e le piccolissime viuzze (veramente caratterizzante è il minuscolo vicolo chiamato in dialetto la rejecellelle), si può godere di un po’ di relax dopo le escursioni dei giorni passati. Inoltre, nella piccola passeggiata dei trabocchi - palafitte in legno costruite sulla roccia e propese sul mare - si viene a contatto con queste macchine atte alla pesca. Tipiche della costa molisana e abruzzese meridionale, i trabocchi caratterizzano in modo particolare questo tratto di costa adriatica.

Il trekking del Matese con le ciaspole Caratteristiche del viaggio

Temi del viaggio:
- gli ambienti appenninici dei Monti del Matese, con la sua rigogliosa natura e i paesaggi mozzafiato che danno vita ad un Sito di Importanza Comunitaria (S.I.C.);
- le grotte fra le più profonde d’Italia;
- la città romana di Saepinum e le aree archeologiche sannite di San Pietro dei Cantoni e Terravecchia;
- il bellissimo santuario neogotico di Castelpetroso e il luogo in cui apparvero la Vergine Maria e Cristo Morto;
- i luoghi del fenomeno del brigantaggio;
- i piccoli borghi di montagna;
- il folklore locale;
- la tipica cucina molisana;
- i prodotti alimentari a km zero;
- il clima familiare e intimo;
- la presenza continua della guida.


Periodo: da dicembre a marzo.
Durata: 4 giorni di cammino per 4/5 ore al dì, 5 notti, 6 giorni comprensivi dei trasporti a/r.
Lunghezza del viaggio: 54.8 km.
Dislivello totale in salita: +2353 metri.
Dislivello totale in discesa: -2967 metri.
Livello di difficoltà: media-facile.
Destinazione: Sepino, Monti del Matese e Termoli.
Guida: Antonio Meccanici.
Tipologia del viaggio: prima montagna in ambiente innevato.
Peculiarità del viaggio: storico-culturale, naturale, folkloristico ed enogastronomico.
Modalità di pernottamento: bed and breakfast.
Dove mangiare: casolare di campagna.
Grandezza del gruppo: da un minimo di 2 a un massimo di 12 persone.

Prezzo: a partire da 535 €.

Il viaggio è attivabile se fate parte di un gruppo che va da un minimo di due a un massimo di dodici, con il contributo tecnico di uno dei tour operator con noi convenzionati.

Livello di difficoltà
Media-facile (su cinque categorie: facile, media-facile, media, media-difficile, difficile): escursioni di 4/5 ore al dì, escluse le soste (all’incirca di 2 ore e mezza). Presenza di poche salite impegnative. Molte discese e tratti in piano. In due giorni su quattro i dislivelli totali in salita e in discesa si avvicinano o superano di poco i 1000 metri. Nei restanti due non superano i 500 metri totali, sia in discesa, sia in salita. I percorsi non presentano alcuna difficoltà tecnica (uso delle attrezzature per l’alpinismo). Le ciaspolate/escursioni sono accessibile a tutti, anche se occorre essere allenati alla camminata in montagna e sulla neve (se presente). Le ciaspolate/escursioni sono a piedi. Il viaggio ha una base fissa ed uguale per il pernotto. Brevi sono gli spostamenti in auto. I pernottamenti sono comodi.


Specifiche
Il prezzo presente in questo prospetto è da intendersi per singola persona.

La quota comprende

Nel prezzo sono compresi i seguenti servizi:
- organizzazione del viaggio;
- l'aperitivo di benvenuto, tutte/i le colazioni, i pranzi e le cene;
- tutti i pernotti in camera doppia (per la camera singola c'è un supplemento di 50 €);
- guida ambientale escursionistica;
- assicurazione;
- trasporto bagagli e persone nei sei (6) giorni di permanenza in Molise;
- marca da bollo;
- noleggio racchette da neve (ciaspole);
- altri extra.

La quota non comprende

Servizi non offerti alla clientela:
- viaggio dalla propria residenza, con qualsiasi mezzo, verso il Molise e viceversa;
- tutto quello che non è scritto nei servizi offerti.

Prenotazione degli alloggi: casistiche e modalità
Molte delle strutture per l’alloggio convenzionate con “Antonio Meccanici - Molisetrekking” sono di piccola dimensione, con poche stanze e non molti posti letto. Per tale caratteristica, “Antonio Meccanici - Molisetrekking” ha avuto la necessità di convenzionarsi con seconde strutture per far dormire la propria clientela.
Potrebbe capitare che i clienti, con poche prenotazioni, esauriscano la disponibilità del primo partner. Di conseguenza, i gruppi non si troveranno a dormire nella stessa struttura.
Tutte le strutture hanno la possibilità di camere singole o doppie o matrimoniali.
L’alloggio viene bloccato con lo stesso ordine cronologico delle prenotazioni del viaggio. Chi prima blocca il viaggio, alloggerà nelle prime strutture convenzionate. Una volta esauriti i posti, si prenoteranno le strutture dei secondi partner.


Calendario 2019

PartecipantiDataDurataPrezzoDisponibilità
da 2 a 12dal 29 dicembre 2018 al 3 gennaio 20196 giorni 535 € (per 6 giorni)Viaggio confermato. Posti in esuarimento
da 2 a 12dal 26 al 31 gennaio 20196 giorni 535 € (per 6 giorni)Posti disponibili
da 2 a 12dal 23 al 28 febbraio 20196 giorni 535 € (per 6 giorni)Posti disponibili
da 2 a 12dal 23 al 28 marzo 20196 giorni 535 € (per 6 giorni)Posti disponibili
Sali su